Social and more – I trend più interessanti per il 2015 [Infografica]

Il 2014 è giunto ormai alle sue battute finali. Ma che anno è stato per il social media marketing? Quali fenomeni, quali trend di questo mondo vastissimo possiamo ritenere davvero significativi, quali quelli su cui investire nel 2015?

Personalmente ho tentato, attraverso un’infografica di mia creazione (mi scuso per eventuali imperfezioni a livello grafico, apprezzatene il tentativo :-)), a riassumere quei dati e quei trend degni di nota che hanno caratterizzato questo anno appena trascorso.

  • Visual Web – l’immagine, come pure il video e altri contenuti visivi, si stanno rivelando sempre più vincenti nel panorama della comunicazione social. Ecco perché attendersi per il 2015 un ulteriore passo in avanti per tutti quei canali e piattaforme online incentrate sul ‘visual’: Instagram, Pinterest, Tumblr, ma anche YouTubeVine e così via…
  • App di Instant Messaging – visti il successo e il numero di fruitori totalizzati in questi anni dalle varie Whatsapp, Snapchat, WeChat, Facebook Messenger, è lecito attendersi un ulteriore incremento per il prossimo anno. Questi strumenti diventano sempre più appetibili, sia come strumento di social CRM per le aziende che come canale pubblicitario per marketer e inserzionisti.
  • Social Media Advertising – l’advertising online continua a macinare risultati e in particolare gli annunci e i post sponsorizzati sui social network stanno vivendo un momento d’oro in questo periodo, grazie anche agli alti tassi di conversione raggiungibili; la competizione tra le piattaforme aumenta, chiaramente: non soltanto Facebook, ora anche Twitter e Linkedin propongono soluzioni pubblicitarie interessanti e sempre più mirate.

social media 2015

Che altro? Sicuramente, i contenuti creativi di valore (informativi come di intrattenimento) e in diversi formati continueranno ad avere un peso fondamentale nella comunicazione social, saranno sempre più decisivi e virali nello specifico quei contenuti ‘real time‘, ossia quelli prodotti ispirandosi a un grosso evento (come la notte degli Oscar, le olimpiadi) o a seguito di un episodio rilevante. L’azienda si inserisce in questo modo nelle discussioni virtuali e prova a fornire dei contributi coinvolgenti e di qualità per il pubblico.

Secondo il mio modesto parere, infine, un altro trend osservabile riguarderà le strategie di investimento messe in atto da parte di agenzie, marketer e social media manager, sempre più rivolte alla razionalizzazione del budget e delle risorse a disposizione. In pochi proveranno ancora a ‘gettarsi nella mischia’, impostando una presenza e un investimento su più canali, piuttosto si cercherà sempre più di concentrare i propri sforzi e la spesa in advertising su pochi canali, selezionati e mirati a seconda del proprio target, cercando se possibile di sborsare qualcosina in più per raggiungere livelli ottimali di visibilità.

Adwords e Facebook Ads, come visto, non sono più le uniche frecce all’arco di una promozione online efficace e con ritorni interessanti: nuovi tool, nuove piattaforme sono pronte alla sfida. Prepariamoci a un 2015 pieno di novità!

Per scaricare l’infografica in pdf: Social&More

Le vie dell’online advertising sono infinite

Quali grandi novità ci riserverà il nuovo anno sul fronte del mercato pubblicitario, online nello specifico?

Anche in Italia i numeri sono più che positivi e in costante crescita: dati alla mano, il trend dell’ultimo anno – secondo un recente rapporto di IAB Italia – registrerebbe un +7,7%, a fronte di un investimento totale di circa 1,5 mld di € (e per il 2014 si stima già un ulteriore incremento del +8,5%).


Cruci Ruzzle Adv

I canali e i mezzi di riferimento per gli investitori non cambiano, e presumibilmente saranno i grandi protagonisti anche per il prossimo anno:

  • display advertising – anche nel nostro paese si avrà una decisa affermazione del meccanismo del programmatic buying, grazie al quale si avrà la possibilità di pianificare le campagne su determinati spazi pubblicitari in base a criteri qualitativi del target (caratteristiche precise, comportamenti, abitudini)
  • video advertising
  • mobile
  • social media advertising

Proprio su questo ultimo fronte si preannunciano le più grandi innovazioni per l’intero comparto:
se da un lato infatti continueranno ad esistere e ad attirare investimenti gli annunci “tradizionali”, d’altro canto a mio parere guadagneranno sempre più terreno le tecniche promozionali “ibride”, come ad esempio le advertorial o la cosiddetta Native Advertising: metodologia che unisce contenuti pubblicitari a contenuti editoriali e/o alle attività dei propri contatti social in relazione a un determinato brand; mi riferisco soprattutto a sponsored stories, promoted posts, promoted tweets…
Tecniche promozionali efficaci ed incisive, sicuramente meno impersonali rispetto ad un banner di una generica marca x; d’altra parte questa è l’evoluzione che sta seguendo l’advertising online, il cui obiettivo non è solo quello di selezionare e colpire con la massima precisione possibile un dato target, ma anche soprattutto quello di intrattenerlo, incuriosirlo tramite storie e argomenti interessanti.
Read More